Cos'è il rapporto Warnock?

3448
Alexander Pearson

Il Rapporto Warnock Si tratta di un documento preparato dalla British Education Commission nel 1978 che fa riferimento ai bisogni educativi speciali dei bambini. Questa scrittura è basata per la maggior parte sul modello di educazione speciale britannico.

Prende il nome da Helen Mary Warnock, una filosofa britannica specializzata in filosofia dell'educazione. E presidente della commissione d'inchiesta sull'istruzione speciale nel suo paese.

Il rapporto Warnock fa riferimento a programmi dedicati ai bambini con disabilità, con un'enfasi sul settore dell'educazione speciale e sui bisogni educativi speciali.

Una delle sue premesse principali è il fatto che tutti i bambini hanno il diritto di essere istruiti.

Il rapporto Warnock mira anche a promuovere un modello di educazione, in cui le istituzioni ad esso dedicate sono formate nell'educazione speciale. Per poter così fornire lo stesso servizio a chi ha difficoltà di apprendimento.

Allo stesso tempo, questo rapporto cerca di eliminare le differenze esistenti nell'istruzione. Capire che i bisogni educativi sono comuni a tutti i bambini. Ed è la scuola che deve adattarsi alle esigenze individuali di ognuno di loro..

Il rapporto Warnock si concentra anche sull'idea che la scuola debba essere un luogo di istruzione e allo stesso tempo un centro di sostegno. Che può fornire risorse, consigli e informazioni ai genitori dei bambini che lo frequentano.

Temi centrali del rapporto Warnock

Il rapporto Warnock ha ampliato i concetti di educazione speciale e bisogni educativi speciali sviluppati fino a quel momento..

Indica che il primo dovrebbe soddisfare il secondo, con bisogni educativi speciali comuni a tutti i bambini.

Le sue premesse principali includono la formazione e il miglioramento degli insegnanti; istruzione per bambini sotto i cinque anni con bisogni educativi speciali e istruzione per giovani di età compresa tra 16 e 19 anni.

Allo stesso tempo, ripensa il concetto di diversità e suggerisce che l'educazione dovrebbe avere sempre lo stesso scopo. Essere un bene a cui tutti hanno diritto.

Formazione e miglioramento degli insegnanti

Il Rapporto Warnock stabilisce che tutti gli insegnanti devono possedere le condizioni necessarie per riconoscere, identificare e lavorare con i bambini con bisogni educativi speciali. Indipendentemente dal luogo in cui lavorano, questi sono luoghi ordinari o speciali.

A sua volta, stabilisce che gli insegnanti devono conoscere e accettare il concetto di bisogni educativi speciali..

Il rapporto suggerisce anche di includere nella formazione accademica degli insegnanti, una sezione corrispondente alla formazione in bisogni educativi speciali. Indica la necessità di incorporare un piccolo numero di studenti con queste esigenze nel proprio lavoro. In questo modo, possono mettere in pratica le misure apprese per soddisfare i bisogni educativi speciali dei loro studenti..

Inoltre, promuove l'idea di includere come insegnanti soggetti con bisogni speciali che promuovono l'insegnamento, in modo che in questo modo i bambini si sentano motivati ​​ad apprendere.

Istruzione per bambini sotto i 5 anni con bisogni educativi speciali

Secondo il rapporto Warnock, l'istruzione dovrebbe iniziare presto per coloro che sono nati o hanno una carenza subito dopo la nascita. Considera di fondamentale importanza lo sviluppo di questi bambini e il fatto che possano ricevere stimoli precoci in base alle loro esigenze.

Sulla base di ciò, raccomanda anche di ampliare il numero di asili nido e asili nido speciali per coloro che hanno difficoltà più gravi, promuovendo così che questi bambini possano iniziare l'anno scolastico con coetanei della stessa età, in una classe normale.

Istruzione dei giovani dai 16 ai 19 anni

Il rapporto Warnock promuove la necessità di creare spazi in cui prosegua l'educazione dei giovani in età scolare ma che continuano a fare progressi nell'acquisizione di conoscenze.

A tal fine, si sottolinea l'importanza di creare spazi che possano fornire questi benefici, con un approccio coordinato legato all'istruzione post-secondaria..

Promuove l'idea che questi giovani possano fare una specializzazione e avere uno spazio per lo scambio sociale. Avere come scopo fondamentale lo sviluppo della propria autonomia e indipendenza.

Concetto di diversità

È un concetto chiave utilizzato nel rapporto Warnock, che si riferisce al fatto che i bisogni educativi speciali sono insiti in tutti i bambini, poiché ognuno di loro ha bisogno e merita un'attenzione personalizzata e completa per apprendere e sviluppare.

È responsabilità della scuola fornire le risorse educative necessarie e compensare le difficoltà di apprendimento degli studenti. Per essere in grado di soddisfare le diverse esigenze ed evitare difficoltà.

Da questa prospettiva, non ci saranno più due gruppi distinti di bambini. Per la nozione di disabili che ricevono un'istruzione speciale e di non disabili che ricevono un'istruzione è eliminata. Tutti i bambini hanno bisogni educativi.

Cosa sono i bisogni educativi speciali (SEN)?

Per definizione, i BES sono i bisogni vissuti da quegli individui che necessitano di aiuto o risorse che normalmente non sono disponibili nel loro contesto educativo.. 

Il rapporto Warnock fa riferimento ai bisogni educativi speciali (SEN) come quelli che si riferiscono a una disabilità di apprendimento.

Questi possono essere di natura temporanea o permanente e richiedono un'attenzione specifica e risorse educative. Offrire alle persone le possibilità del loro sviluppo personale attraverso esperienze di apprendimento corrispondenti alla progettazione del curriculum.

I bisogni educativi speciali sono strettamente correlati alle caratteristiche e alle caratteristiche individuali di ogni bambino.

È la scuola che deve avere la capacità di rispondere a diverse esigenze. Accogliere tutti i bambini, indipendentemente dalle loro condizioni individuali, includendoli con una pedagogia incentrata sul bambino, e quindi essere in grado di soddisfare i loro bisogni educativi speciali.

Il rapporto Warnock sostiene inoltre che i disabili sono comuni a tutti i bambini, concentrandosi sulla loro concezione della diversità, secondo la quale ogni bambino ha esigenze educative individuali per apprendere.

Essendo coloro che hanno difficoltà di apprendimento coloro che avranno bisogno di attenzioni e risorse specifiche.

Per questi casi, il rapporto Warnock propone cinque livelli per la valutazione dell'handicap e il supporto o la fornitura corrispondente a ciascuna esigenza: insegnanti di educazione speciale, consulenti, team interdisciplinari locali e regionali e tutor o direttori.

Propone inoltre l'incorporazione di record individuali per ogni bambino con bisogni educativi speciali. Descrivendo in questi i vantaggi di cui hai bisogno per il tuo progresso e il tuo sviluppo personale.

Cos'è l'educazione speciale (EE)?

L'istruzione è intesa come un bene a cui tutte le persone hanno diritto, i cui scopi o obiettivi sono gli stessi per tutti. Inoltre, non fanno differenza tra le diversità soggettive esistenti in una società..

Questa è la concezione di Educazione Speciale (EE) che ha reso popolare il rapporto Warnock, promuovendo una revisione del concetto a livello internazionale..

Gli scopi principali che l'educazione dovrebbe promuovere sono l'aumento della conoscenza dell'individuo sul mondo che lo circonda e la sua comprensione di esso. Inoltre, la comprensione delle proprie responsabilità come soggetto appartenente a una società e fornire tutti gli strumenti affinché il soggetto acquisisca la propria autonomia e indipendenza, potendo così dirigere e controllare la propria vita..

Secondo i suoi principi, il rapporto Warnock stabilisce che l'EE deve avere un carattere complementare e aggiuntivo a quello dell'istruzione ordinaria.

Per questo motivo, suggerisce inoltre che le scuole speciali non dovrebbero solo educare i bambini con gravi disabilità, ma anche diventare centri di sostegno. Fornire informazioni, consigli e risorse ai genitori e alle scuole ordinarie.

L'educazione speciale consiste quindi in un insieme di benefici che hanno lo scopo di soddisfare i bisogni speciali di una persona, avendo come orizzonte, avvicinandosi il più possibile al raggiungimento delle finalità educative.

All'interno dei modelli educativi si possono trovare educazione inclusiva, educazione speciale e integrazione scolastica.

L'educazione inclusiva nasce dal modello sociale della disabilità. Considera che tutti i bambini sono diversi gli uni dagli altri e che sono la scuola e il sistema educativo che devono cambiare per soddisfare le esigenze individuali di tutti gli studenti. Indipendentemente dal fatto che abbiano o meno difficoltà di apprendimento.

L'istruzione speciale deve essere intesa come un insieme di vantaggi volti a garantire un processo educativo completo per le persone con bisogni educativi speciali..

Comprendere i vantaggi come servizi, tecniche, strategie, conoscenze e risorse pedagogiche in base alle diverse esigenze, siano esse temporanee o permanenti.

L'Integrazione scolastica funziona come un sistema di unificazione dell'istruzione ordinaria e dell'istruzione speciale, fornendo servizi individuali ai bambini con bisogni educativi speciali..

Il rapporto Warnock si basa su un'analisi della situazione dell'educazione speciale in Inghilterra.

Le sue premesse e raccomandazioni sono state un modello e un riferimento per la pianificazione e la standardizzazione delle risorse educative speciali in diverse parti del mondo..

Dalla sua creazione, non solo i concetti di educazione speciale e bisogni educativi speciali sono stati ampliati, ma ci sono stati anche grandi progressi in questi argomenti.

Riferimenti 

  1. Alan Hodkinson, P. V. (2009). Questioni chiave in bisogni educativi speciali e inclusione.
  2. Comitato, G. B. (2006). Bisogni educativi speciali: terzo rapporto della sessione 2005-2006. L'ufficio di cancelleria.
  3. Gates, B. (2007). Disabilità di apprendimento: verso l'inclusione. Elsevier Health Sciences.
  4. Katharine T. Bartlett, J. W. (1987). Bambini con bisogni speciali. Editori di transazioni.
  5. Mary Warnock, B. N. (2010). Bisogni educativi speciali: un nuovo look. A&C Black.
  6. Tassoni, P. (2003). Sostenere i bisogni speciali: comprendere l'inclusione nei primi anni.
  7. Il rapporto Warnock (1978). (n.d.). Estratto da Educationengland.
  8. Il rapporto Warnock (ulteriori opinioni) e il progetto di legge sui bambini non nati (protezione). (1985). Biblioteca della Camera dei Comuni, Divisione di ricerca.
  9. Warnock & SEN (n.d.). Estratto da Specialeducationalneeds.

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.