Cos'è l'attaccamento emotivo?

3075
Jonah Lester

Il attaccamento emotivo È un tipo specifico di legame all'interno dei legami affettivi, di natura sociale e implica la ricerca di protezione, cura, sicurezza e benessere all'interno della relazione. Si manifesta nelle coppie, nei bambini, nei parenti e in generale nelle persone vicine.

Durante la nostra vita formiamo legami affettivi con persone diverse. Alcuni di questi legami sono il rapporto di genitori e figli, nonni e nipoti, amicizia, legame fraterno, amore romantico ...

Tutti mostrano alcuni caratteristiche comuni. Ad esempio, sono relazioni affettive, durano nel tempo, cercano vicinanza e contatto con l'altra persona, producono ansia quando c'è una separazione indesiderata, sono uniche nei confronti di una persona specifica o dipende dall'interazione tra le due.

La figura di attaccamento è la base di riferimento e di appoggio nelle relazioni che una persona instaura con il mondo fisico e sociale.

Secondo teoria dell'attaccamento, il rapporto primario che il bambino instaura con la sua figura di attaccamento garantisce protezione, soddisfa i suoi bisogni emotivi e il minore si sente amato e accompagnato.

Quando una persona è sicura dell'incondizionalità della sua figura di attaccamento, sviluppa sentimenti di sicurezza, stabilità e autostima nei suoi confronti e facilita l'empatia, il conforto, l'amore e la comunicazione emotiva.

Perché il legame di attaccamento è importante?

L'attaccamento è importante perché il modo in cui si sviluppa, cioè se si tratta di uno stile di attaccamento appropriato o meno, dipenderà dallo sviluppo psicologico dell'individuo, dalla sua sicurezza e stabilità e dalle relazioni con le altre persone..

Ci sono relazioni di attaccamento per tutta la vita e non solo durante l'infanzia, anche se sono circa 12 mesi quando il bambino forma la sua prima relazione di attaccamento con una persona, di solito con la madre, dopo un lungo processo.

Devi tenere presente che molte indagini indicano che il legame iniziale di un bambino con la sua prima figura di attaccamento predice le relazioni che il bambino stabilirà con altre persone nel corso della sua vita: fratelli, amici, futuro partner ...

Come risultato delle diverse esperienze di attaccamento, specialmente con le cosiddette "figure centrali" nelle prime fasi della vita di una persona, si finisce per formare uno "stile di attaccamento", cioè un certo modo di relazionarsi, di sentire e pensare a quelle relazioni che richiedono intimità.

Tuo figlio svilupperà una rappresentazione mentale, generata nella prima infanzia dall'attaccamento al suo principale caregiver, che includerà informazioni su se stesso, su di te come sua figura di attaccamento e sulla relazione che hai.

Ciò significa che includerà un'idea di chi e come è la tua figura di attaccamento e cosa aspettarti da te. Con questo modello affronterai il resto delle relazioni e delle situazioni che dovrai affrontare nella vita.

Inoltre, lo stile di attaccamento è stato associato come predittore del comportamento umano in relazione al comportamento sociale.

Ad esempio, alcune ricerche come quella di Waters, Wippman e Sroufe (1979) hanno dimostrato che i bambini tra i 3 ei 6 anni che presentavano un livello più alto di competenza sociale erano stati bambini con un attaccamento sicuro.

Inoltre, un attaccamento adeguato si associa anche ad un corretto sviluppo emotivo, a una maggiore empatia, a una maggiore regolazione delle proprie emozioni e ad un maggiore atteggiamento prosociale sia nei bambini che negli adolescenti..

E un attaccamento insicuro, d'altra parte, è correlato a comportamenti più aggressivi e ostilità man mano che i bambini crescono..

Le funzioni dell'attaccamento sono diverse e ampie. Questo legame garantisce la sopravvivenza della prole, dà loro sicurezza, stima e intimità, oltre a funzionare come una base dalla quale il bambino esplora la realtà e va a rifugiarsi quando ne ha bisogno..

Per tutto questo, tieni presente che in famiglia tuo figlio apprende modelli di comportamento, stili di relazione e abilità sociali che in seguito generalizzerà da bambino, adolescente e adulto in altri contesti come il suo gruppo di pari..

Quali tipi di attaccamento esistono?

I diversi stili di attaccamento, come ho già accennato, possono essere osservati dalla fine del primo anno di vita, quando compare la formazione del primo attaccamento, che è generalizzato ad altre persone significative durante l'infanzia e la vita adulta..

È vero che non tutti gli autori concordano nel definire esattamente la stessa tipologia. Tuttavia, quello che presentiamo di seguito è il risultato del consenso tra i diversi autori.

In questo senso, tutti gli autori concordano sul fatto che esista uno stile di attaccamento sicuro e uno insicuro. Le maggiori differenze tra i diversi autori corrispondono ai diversi sottotipi all'interno dell'attaccamento insicuro, che ora ti mostrerò.

Dopo numerosi studi, le diverse classificazioni coincidono in alcuni aspetti che includono il grado di fiducia con la figura di attaccamento, sicurezza e ansia, e intimità o evitamento di essa.

Possiamo quindi trovare:

a) Fissaggio sicuro

Uno stile di attaccamento sicuro è caratterizzato dalla piena fiducia nell'altra persona, sapendo che non ci abbandonerà mai o fallirà.

La persona saldamente attaccata vuole mantenere un rapporto intimo con la sua base di sicurezza, è sicuro della relazione e non ha bisogno della sua approvazione. Sa che la sua base di sicurezza la stima e la ama più di ogni altra cosa.

Assume un modello di funzionamento e rappresentazione mentale interna della fiducia nel caregiver principale. Il bambino mostra ansia di fronte alla separazione e si calma quando si riconnette con sua madre.

b) Attaccamento insicuro, ansioso / evitante / sfuggente

Il bambino mostra poca ansia durante la separazione, non mostra vicinanza o contatto cercando comportamenti verso la sua figura di attaccamento durante l'intera situazione. Nelle riunioni di solito evitano di ristabilire il contatto.

La mancanza di interesse per la loro figura di attaccamento e l'elevato comportamento esplorativo caratterizzano il loro profilo comportamentale.

È una rappresentazione di sfiducia per quanto riguarda la disponibilità.

c) Attaccamento insicuro, resistente / ambivalente

Il bambino è costantemente ansioso e molti di loro non possono avviare un comportamento esplorativo attivo. Apparentemente non possono usare la figura dell'attaccamento come base sicura da cui esplorare.

Quando è separato dalla madre piange, ma quando si ricongiunge con sua madre, non si calma, fallendo i tentativi di sua madre di calmarlo.

d) Attaccamento insicuro e disorganizzato

Sono bambini che presentano comportamenti strani in presenza della madre (tic, restare immobili, ecc.). Possono mostrare nello stesso episodio e contemporaneamente comportamenti che si contraddicono a vicenda.

Sono bambini che possono mostrare paura alla madre e che sono disorientati nelle riunioni.

È possibile valutare la qualità dell'attaccamento?

Forse la tecnica più utilizzata per analizzare la qualità dell'attaccamento tra madre e figlio durante i primi due anni di vita è "la strana situazione" di Mary Ainsworth..

Per questo, partiamo dalla teoria dell'attaccamento che indica che il bambino con un legame affettivo appropriato presenta sicurezza in presenza della madre e quindi mostra comportamenti di esplorazione maggiori dell'ambiente che ha di fronte. Al contrario, in presenza di estranei e in assenza della madre, il bambino presenterà reazioni contrarie.

È stata progettata una situazione di otto episodi in cui si alternano separazioni e riunioni tra il bambino, sua madre e una persona strana. Da loro, i bambini e le loro madri possono essere classificati in base alla qualità dell'attaccamento.

E cosa stai facendo per sviluppare un attaccamento emotivo nei tuoi figli??

Riferimenti

  1. Carrillo Ávila, S., Maldonado, C., Saldarriaga, L. M., Vega, L., Díaz, S. (2004). Modelli di attaccamento nelle famiglie di tre generazioni: nonna, madre adolescente, figlio. Giornale latinoamericano di psicologia, 36, 3, 409-430, Colombia.
  2. Eceiza, M., Ortiz, M. J., Apodaca, P. (2011). Attaccamento e affiliazione: sicurezza dell'attaccamento e relazioni tra pari durante l'infanzia. Infanzia e apprendimento, 34 (2), 235-246, Università dei Paesi Baschi.
  3. Lafuente, M. J., Cantero, M. J. (2010). Legami affettivi: attaccamento, amicizia e amore. Piramide, Madrid.
  4. Lara, M. A., Acevedo, M., López, E. K. (1994). Comportamento di attaccamento nei bambini di 5 e 6 anni: influenza dell'occupazione materna fuori casa. Giornale latinoamericano di psicologia, 26, 2, 283-313, Messico.
  5. López, F. (2006). Attaccamento: stabilità e cambiamento durante tutto il ciclo di vita. Infanzia e apprendimento, 29: 1, 9-23, Università di Salamanca.
  6. Sánchez-Queija, I., Oliva, A. (2003). L'attaccamento si lega ai genitori e alle relazioni con i coetanei durante l'adolescenza. Giornale di psicologia sociale, 18: 1, 71-86, Università di Siviglia.
  7. Schneider, B. H. (2006). Quanta stabilità negli stili di attaccamento implica la teoria di Bowlby?: Commento a López. Infanzia e apprendimento, 29 (1), 25-30. Università di Ottawa, Ontario, Canada.
  8. Yárnoz, S., Alonso-Arbiol, I., Plazola, M., Sainz de Murieta, L. M (2001). Attaccamento negli adulti e percezione degli altri. Annali di psicologia, 17, n. 2, 159-170. Università dei Paesi Baschi.

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.