Caratteristiche del micobatterio marinum, tassonomia, morfologia

4080
Sherman Hoover

Mycobacterium marinum è un batterio che appartiene all'ampio gruppo dei micobatteri. È un patogeno quasi esclusivo del pesce e di alcuni anfibi. Tuttavia, a volte e in determinate condizioni è in grado di causare patologie negli esseri umani..

Fu isolato per la prima volta nel 1926 dai tessuti dei pesci, ma solo nel 1951 fu stabilito che fosse un patogeno opportunistico per l'uomo. Il primo caso descritto di granuloma da piscina risale a quest'anno, nome dato all'infezione causata da Mycobacterium marinum.

Fonte: wikipedia.com

Nel tempo e attraverso vari studi è stato stabilito che coloro che hanno maggiori probabilità di contrarre un'infezione causata da questo batterio sono coloro che praticano sport acquatici, coloro che hanno acquari in casa o coloro che hanno un'occupazione lavorativa con cui sono a contatto con ambienti acquatici.

Mycobacterium marinum è un batterio ampiamente studiato. Tuttavia, ci sono ancora molti aspetti della sua fisiologia da chiarire. Gli studi effettuati su di esso sono stati importanti per determinare le linee guida terapeutiche da seguire in caso di infezione..

Indice articolo

  • 1 Tassonomia
  • 2 Morfologia
  • 3 caratteristiche
    • 3.1 È lento a svilupparsi
    • 3.2 È di vita libera
    • 3.3 È mesofila
    • 3.4 Habitat
    • 3.5 È aerobico
    • 3.6 Sono resistenti all'alcool-acido
    • 3.7 È fotocromatico
    • 3.8 Sono Ziehl-Nielsen positivi e Gram positivi
    • 3.9 È catalasi positiva
    • 3.10 È ureasi positiva
    • 3.11 È patogeno
  • 4 Malattie che genera
  • 5 Patogenesi
  • 6 sintomi
  • 7 Diagnosi
  • 8 Trattamento
  • 9 Riferimenti

Tassonomia

La classificazione tassonomica di Mycobacterium marinum è:

Dominio: Batterio

Bordo: Actinobacteria

Classe: Actinobacteria

Ordine: Actinomycetales

Sottordine: Corynebacterineae

Famiglia: Mycobacteriaceae

Genere: Mycobacterium.

Specie: Mycobacterium marinum.

Morfologia

Il Mycobacterium marinum È un batterio le cui cellule hanno la forma di un'asta leggermente ricurva. Hanno una dimensione media di 0,2-0,4 micron di larghezza per 2-10 micron di lunghezza. Sembrano cellule singole al microscopio.

Nelle colture si osservano colonie di colore crema di dimensioni circolari, che possono ingiallire se esposte alla luce..

La cellula batterica non presenta alcun tipo di estensioni come flagelli o ciglia. È circondato da una parete cellulare che ha una struttura abbastanza complessa.

Ha una parete cellulare spessa, caratteristica dei batteri del genere Mycobacterium. Questo contiene una grande quantità di lipidi, che lo rende idrofobo. Contiene anche acidi micolici e un peptidoglicano noto come lipoarabinomannano..

Caratteristiche

Il Mycobacterium marinum è una specie atipica all'interno del gruppo dei micobatteri. Le sue caratteristiche includono:

Si sta sviluppando lentamente

Questo batterio è caratterizzato da una crescita lenta. Nelle colture è stato osservato che occorrono in media da 2 a 8 settimane per crescere.

È vita libera

Il Mycobacterium marinum È un batterio che non ha bisogno di essere all'interno di un ospite per poter svolgere il suo ciclo vitale. I batteri possono svilupparsi liberamente nel loro habitat.

È mesofilo

Attraverso studi sperimentali è stato possibile determinare che la temperatura di sviluppo di questo batterio è compresa tra 30 ° C e 37 ° C. La temperatura ottimale è di 32 ° C.

Habitat

Questo è un batterio onnipresente negli ambienti acquatici. Ciò significa che può essere trovato in habitat di acqua dolce (fiumi, laghi, stagni) e in habitat di acqua salata (oceani e mari)..

È aerobico

È aerobico, perché il Mycobacterium marinum necessita necessariamente di ossigeno per svolgere i suoi processi metabolici. Tenendo conto di ciò, i batteri devono trovarsi in un ambiente con un'elevata disponibilità di questo elemento chimico..

Sono resistenti all'alcool e agli acidi

Questa è una proprietà fisica che impedisce alle cellule batteriche di resistere allo scolorimento di un pigmento noto come fucsina di base. Questo pigmento penetra nella cellula e viene trattenuto dalla membrana cellulare. Ciò è dovuto alla presenza di acido micolico.

Le procedure di sbiancamento più comuni prevedono l'uso di una combinazione acido-alcol. In caso di Mycobacterium marinum, questo sbiancamento non ha successo.

È fotocromatico

In presenza di luce, il Mycobacterium marinum è in grado di sintetizzare pigmenti carotenoidi molto gialli.

Sono Ziehl - Nielsen positivi e Gram positivi

Nonostante il Mycobacterium marinum non seguono gli schemi dei batteri gram-positivi, cioè non trattengono il colorante e quindi non adottano la tipica colorazione viola, sono noti come batteri gram-positivi acido-alcool resistenti.

Allo stesso modo, il tipo di macchia utilizzato per studiare questi batteri è noto come macchia di Ziehl-Nielsen. In questa colorazione, in generale, viene aggiunto un colorante che colora i batteri in rosso per aggiungere successivamente il blu di metilene come contrasto..

I batteri rossastri possono essere visti al microscopio con uno sfondo blu.

È catalasi positiva

Questi batteri sintetizzano l'enzima catalasi, in grado di abbattere la molecola di perossido di idrogeno in acqua e ossigeno..

È ureasi positiva

L'ureasi è un enzima che ha l'urea come substrato e la idrolizza in ammoniaca e anidride carbonica, secondo la seguente reazione:

(NHDue) 2CO + HDueOPPURE __________________ CODue + 2NH3

Il Mycobacterium marinum sintetizza questo enzima. Questa è una caratteristica che viene utilizzata per differenziare questo batterio dagli altri..

È patogeno

Questo batterio è un patogeno per i pesci, che causa la tubercolosi dei pesci. Allo stesso modo, è un noto patogeno opportunista negli esseri umani..

L'infezione si sviluppa quando i batteri entrano nel corpo attraverso una ferita o un'erosione della pelle. Ciò si verifica quando la pelle in queste condizioni viene a contatto con acqua contaminata.

Malattie che genera

Come patogeno attacca principalmente i pesci. Occasionalmente può generare nell'uomo una patologia nota come "Granuloma de las Piscinas".

Le persone si infettano quando entrano in contatto con l'acqua contaminata. Generalmente si verifica nelle persone che hanno acquari nelle loro case o hanno lavori legati a questo ambiente.

Patogenesi

Il periodo di incubazione per questo batterio è normalmente di 2-4 settimane, anche se occasionalmente può essere di 2 mesi..

Una volta che i batteri entrano nel corpo attraverso una ferita o una lesione cutanea, il sistema immunitario viene attivato e le cellule batteriche vengono fagocitate dai macrofagi.

All'interno dei macrofagi, grazie a vari fattori di virulenza, viene interrotta la formazione dei lisosomi, che sono quelli che contengono gli enzimi che possono causare la lisi dei batteri.

Poiché il binomio lisosoma-fagosoma non esiste, il batterio è in grado di schivare le difese del sistema immunitario, iniziare a riprodursi e generare lesioni nell'organismo.

Sintomi

Il primo sintomo che compare è un nodulo o una piaga che non guarisce in qualche parte del corpo che è stata esposta all'acqua contaminata.

Inizia come una lesione papulonodulare che in seguito diventa un nodulo doloroso di colore violaceo che può occasionalmente trasudare un po 'di liquido e ulcerarsi..

Lesione causata da Mycobacterium marinum. Fonte: dall'autore UnknownUnknown @ CDC NIOSH [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons

Un altro modo in cui può presentarsi è con diverse lesioni nodulari e ulcerative che si estendono linearmente verso il sito di inoculazione..

Nel 95% dei casi le lesioni compaiono sugli arti superiori, preferibilmente sulle mani e sugli avambracci. È raro che i linfonodi regionali si gonfino.

Diagnosi

Per fare una diagnosi accurata, uno degli strumenti di cui dispone lo specialista è la storia medica. Questo deve essere dettagliato al fine di determinare se esiste una storia di contatto con pesci o acqua eventualmente contaminata.

Tuttavia, la diagnosi definitiva è data da una biopsia della lesione e dalla successiva coltura in cui si possono evidenziare le forme batteriche del Mycobacterium marinum..

Trattamento

Come ogni infezione il cui agente eziologico sono i batteri, gli antibiotici sono l'opzione di trattamento.

Secondo vari studi ed esperienze sulla salute, il Mycobacterium marinum è sensibile a rifampicina, cotrimazolo, etambutolo, sulfonamidi e claritromicina. È stato dimostrato che i batteri sono resistenti a isoniazide e pirazinamide.

Le dosi e la durata del trattamento dipendono dai criteri del medico. La cosa più importante è seguire alla lettera le istruzioni da lui impartite..

Riferimenti

  1. Altman, K., Mycobacterium marinum infezione della pelle. Estratto da: emedicine.medscape.
  2. Gray, S., Stanwell, R., Reynolds, N. e Williams, E. Fish Tank Granuloma. Estratto da: ncbi.nlm.nih.gov.
  3. Hashish, E., Merwad, A., Elgaml, S., Amer, A., Kamal, H. e Esadeck, A. (2018). Mycobacterium marinum infezione nei pesci e nell'uomo: epidemiologia, fisiopatologia e gestione; una recensione. Trimestrale veterinaria. 38 (1). 35-46.
  4. Hunt, C., Olivares, L., Jaled, M., Cergneux, F., De Tezanos, O. and Maronna, E. Infection by Mycobacterium marinum: circa tre casi. Estratto da: dermatolarg.org.ar.
  5. Jaled, M., Pedrini, M., González, P., Förster, J., Anaya J. e Stengel, F. Infezione da Mycobacterium marinum. Caratteristiche epidemiologiche, cliniche e terapeutiche. Estratto da: mediagraphic.com.
  6. Mazumder, S. e Gelfand, M. Mycobacterium marinum. Estratto da: emedicine.medscape
  7. Mycobacterium marinum. Estratto da: bacmap.wishartlab.
  8. Micobatteriosi (tubercolosi dei pesci). Estratto da: microbewiki.kenyon.edu.
  9. Rallis, E. e Koumantaki, E. (2007). Trattamento di Mycobacterium marinum infezione cutanea. Esperto Opin Pharmacother. 8 (17). 2965-2978.
  10. Sánchez, J. e Gil, M. Infezione di Mycobacterium marinum. Case report e revisione della letteratura. Estratto da: unav.edu.

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.