La teoria dello sviluppo cognitivo del bambino (Jean Piaget)

4467
Abraham McLaughlin
La teoria dello sviluppo cognitivo del bambino (Jean Piaget)

La teoria di Piaget propone che il file sviluppo cognitivo del bambino si verifica in quattro stadi o periodi generali universali e qualitativamente differenti. Ogni fase si verifica quando si verifica uno squilibrio nella mente del bambino e deve adattarsi imparando a pensare in modo diverso.

Il metodo di Piaget per scoprire come funzionava il pensiero dei bambini era basato sull'osservazione e su domande flessibili, insistendo sulle risposte. Ad esempio, ha osservato come un bambino di quattro anni credeva che se le monete oi fiori fossero stati messi in fila, sarebbero stati più numerosi che se fossero stati raggruppati in un set. Molti degli studi iniziali che ha svolto sono stati fatti con i suoi figli.

La teoria di Piaget

La sua teoria, una delle più ricche ed elaborate nel campo della psicologia, è inquadrata all'interno dei modelli cognitivo-evolutivi.

Questi modelli sono radicati negli scritti sviluppati da Jean-Jaques Rousseau nel XVIII secolo. Da qui è stato suggerito che lo sviluppo umano è avvenuto con poca o nessuna influenza dall'ambiente, sebbene attualmente si ponga maggiormente l'accento sull'ambiente. L'idea principale è che un bambino si comporterà in base allo sviluppo e all'organizzazione della propria conoscenza o intelligenza.

Piaget formula la sua teoria degli stadi cognitivi dalla considerazione dello sviluppo da una prospettiva organicista, cioè afferma che i bambini si sforzano di cercare di capire e agire nel loro mondo. Questa teoria ha causato una rivoluzione cognitiva in quel momento.

Secondo questo autore, l'essere umano agisce quando entra in contatto con l'ambiente. Le azioni svolte in esso sono organizzate in schemi che coordinano azioni fisiche e mentali.

C'è un'evoluzione da meri riflessi a schemi sensomotori e successivamente a strutture operative, di natura più intenzionale, cosciente e generalizzabile..

Queste strutture suppongono un modo per organizzare la realtà attivamente attraverso azioni o attraverso le funzioni delle funzioni di assimilazione o di adattamento a nuove situazioni per cercare l'equilibrio che risponde alle esigenze dell'ambiente..

Le funzioni e le strutture

Lo sviluppo umano potrebbe essere descritto in termini di funzioni e strutture cognitive, cercando di mostrare che gli aspetti strutturali e funzionali della mente erano correlati e che non c'era struttura senza funzione e non c'era funzione senza struttura..

Ha anche pensato che lo sviluppo cognitivo si sia evoluto progressivamente dagli stadi inferiori al funzionamento di strutture mentali reversibili e formali.

  • Il funzioni sono processi biologici, innati e uguali per tutti, che rimangono inalterati. Questi hanno la funzione di costruire strutture cognitive interne.

Questo autore pensava che quando il bambino era in relazione con il suo ambiente, in esso si formava un'immagine più precisa del mondo e sviluppavano strategie per far fronte. Questa crescita si realizza grazie a tre funzioni: organizzazione, adattamento ed equilibrio..

  • Organizzazione: coerente nella tendenza delle persone a creare categorie per organizzare le informazioni e che ogni nuova conoscenza deve rientrare in questo sistema. Ad esempio, un neonato nasce con un riflesso di suzione che verrà successivamente modificato adattandosi alla suzione del seno materno, del biberon o del pollice..
  • Adattamento: consistente nella capacità dei bambini di gestire nuove informazioni rispetto a cose che già sanno. All'interno di questo ci sono due processi complementari, l'assimilazione e l'adattamento. L'assimilazione si verifica quando il bambino deve incorporare nuove informazioni a precedenti strutture cognitive. Cioè, c'è una tendenza a comprendere le nuove esperienze in termini di conoscenza esistente. E l'accomodamento che si verifica quando è necessario adattare le strutture cognitive per accettare le nuove informazioni, ovvero le strutture cambiano in risposta a nuove esperienze.

Ad esempio, un bambino allattato artificialmente che in seguito inizia a succhiare un bicchiere mostra assimilazione poiché utilizza uno schema precedente per far fronte a una nuova situazione. Quando invece scopre che per succhiare il bicchiere e bere acqua deve muovere la lingua e la bocca per succhiare, altrimenti è accomodante, cioè sta modificando lo schema precedente.

O, ad esempio, un bambino che ha tutti quei cani di grossa taglia associati al concetto di cane. Un giorno va per strada e vede un mastino, che è un cane che non aveva mai visto prima ma che si inserisce nel suo schema del grosso cane, quindi lo assimila. Tuttavia, un altro giorno è al parco e vede un bambino con un chihuahua, questo cane è piccolo, quindi dovrà modificare il suo schema accomodandosi.

  • Il bilanciamento si riferisce alla lotta per raggiungere un equilibrio stabile tra assimilazione e accomodamento. L'equilibrio è il motore della crescita cognitiva. Quando i bambini non sono in grado di gestire nuove esperienze nel contesto di precedenti strutture cognitive, soffrono di uno stato di squilibrio. Questo viene ripristinato quando vengono organizzati nuovi modelli mentali e comportamentali che integrano la nuova esperienza..
  • Il schemi sono strutture psicologiche che riflettono la conoscenza di fondo del bambino e guidano le sue interazioni con il mondo. La natura e l'organizzazione di questi schemi sono ciò che definisce l'intelligenza del bambino in un dato momento..

Fasi dello sviluppo cognitivo del bambino

Piaget ha proposto che lo sviluppo cognitivo del bambino avvenisse in quattro fasi generali o periodi universali e qualitativamente diversi. Ogni fase si verifica quando si verifica uno squilibrio nella mente del bambino e deve adattarsi imparando a pensare in modo diverso. Le operazioni mentali evolvono dall'apprendimento basato su semplici attività sensoriali e motorie al pensiero logico astratto.

Le fasi proposte da Piaget attraverso le quali il bambino sviluppa le sue conoscenze sono le seguenti: periodo sensomotorio, che si manifesta da 0 a 2 anni; periodo preoperativo, che va da 2 a 7 anni; periodo delle operazioni specifiche, che va dai 7 ai 12 anni e periodo delle operazioni formali, che va dai 12 in poi.

Il diagramma seguente mostra le caratteristiche fondamentali di questi periodi.

Periodo sensomotorio

I modelli iniziali del bambino sono semplici riflessi e gradualmente alcuni scompaiono, altri rimangono invariati e altri si combinano in unità di azione più grandi e più flessibili..

Riguardo alle reazioni primarie, secondarie e terziarie, dire che le prime comportano il miglioramento di schemi sensomotori basati su riflessi primitivi che vanno dall'essere un'attività riflessa ad essere un'attività autogenerata più cosciente. Ad esempio, il bambino che si succhia il pollice e lo ripete perché gli piace la sensazione.

Le reazioni secondarie obbediscono alla ripetizione delle azioni che sono rinforzate da eventi esterni. Cioè, se un bambino ha visto che quando scuote un sonaglio fa rumore, lo scuoteranno di nuovo per riascoltarlo, prima lo faranno lentamente ed esitante, ma finiranno per ripeterlo con fermezza.

Nelle reazioni circolari terziarie il bambino acquisisce la capacità di creare nuove sequenze di comportamenti per affrontare nuove situazioni. Cioè, il bambino ripete quelle azioni che trova interessanti. Un esempio potrebbe essere un bambino che osserva che quando scuote il sonaglio suona in modo diverso rispetto a quando lo prende in mano e colpisce il suolo.

Al termine di questa fase il bambino è già in grado di avere rappresentazioni mentali che gli permettono di liberarsi dalle proprie azioni. E sviluppano l'imitazione differita, che è quella che si verifica anche se il modello non è presente.

Periodo preoperatorio

Questa fase è caratterizzata dal fatto che il bambino inizia a utilizzare i simboli per rappresentare cognitivamente il mondo. La funzione simbolica si manifesta nell'imitazione, nel gioco simbolico, nel disegno e nel linguaggio.

Oggetti ed eventi vengono sostituiti da parole e numeri. Inoltre, le azioni che prima dovevano essere fatte fisicamente ora possono essere fatte mentalmente, attraverso simboli interni.

Il bambino in questa fase non ha ancora la capacità di risolvere problemi simbolici e ci sono varie lacune e confusioni nei suoi tentativi di comprendere il mondo.

Il pensiero continua ad essere dominato dagli aspetti percettivi dei problemi, dalla tendenza a concentrarsi su un singolo aspetto (centratura), dalla sua invarianza e incapacità di attuare trasformazioni, e dall'uso del ragionamento trasduttivo (il bambino va dal particolare al il particolare).

Periodo di operazioni specifiche

La novità fondamentale che si verifica in questa fase è la comparsa del pensiero operativo, basato sull'uso delle operazioni. Ovvero un'azione interiorizzata (a differenza dei sensomotori, che erano esterni e osservabili), reversibile, che si integra in un'intera struttura.

Comprendere la reversibilità è una delle caratteristiche fondamentali dell'operazione. Si basa su due regole: investimento e compensazione.

L'inversione garantisce che le trasformazioni che avvengono in una direzione possano essere eseguite anche nella direzione opposta. E la compensazione è l'esecuzione di una nuova operazione che annulla o compensa gli effetti di una trasformazione.

In questa fase, i bambini sono già in grado di eseguire operazioni mentali con la parte di conoscenza che possiedono, ovvero possono eseguire operazioni matematiche come addizione, sottrazione, ordinamento e inversione e così via. Queste operazioni mentali consentono un tipo di problem solving logico che non era possibile durante la fase preoperatoria..

Come esempi di operazioni logico-matematiche troviamo la conservazione, le classificazioni, le serie e il concetto di numero.

La conservazione consiste nel comprendere che le relazioni quantitative tra due elementi rimangono invariate e si conservano, nonostante il fatto che in alcuni elementi possa avvenire qualche trasformazione. Esempio: il bambino impara che una palla di plastilina rimane la stessa nella sua forma arrotondata e allungata. E non perché è allungato è più grande della forma arrotondata.

Le classificazioni si riferiscono alle relazioni simili che esistono tra gli elementi che appartengono a un gruppo.

Le serie, sono costituite dall'ordine degli elementi in base alle loro dimensioni crescenti o decrescenti.

Il concetto di numero si basa sui due precedenti. Si verifica quando la persona capisce che il numero 4 include 3, 2 e 1.

Periodo di operazioni formali

Ciò include tutte quelle operazioni che richiedono un livello di astrazione più elevato e che non richiedono oggetti concreti o materiali. Come esempio possiamo parlare della capacità di affrontare eventi o relazioni che sono possibili solo in opposizione a ciò che esiste realmente..

Le caratteristiche di questo pensiero formale sono le seguenti. L'adolescente apprezza la differenza tra il mondo reale e quello possibile. Quando incontri un problema, puoi trovare una moltitudine di possibili soluzioni cercando di scoprire quali sono le più appropriate..

Inoltre compare il pensiero deduttivo ipotetico, che consiste nell'utilizzo di una strategia consistente nella formulazione di un insieme di possibili spiegazioni e successivamente nella presentazione di queste approvate per verificare se vengono fornite. E infine, è in grado di integrare i due tipi di reversibilità che ha praticato in isolamento, investimento e compensazione..

Critiche alla teoria di Piaget

Secondo alcuni autori, Piaget ha sottovalutato le capacità dei neonati e dei bambini piccoli e alcuni psicologi hanno messo in dubbio i loro stadi e fornito la prova che lo sviluppo cognitivo era più graduale e continuo.

Inoltre, assicurano che, in realtà, i processi cognitivi dei bambini siano collegati al contenuto specifico (a cosa pensano), al contesto del problema e alle informazioni e idee che una cultura considera importanti.

Di fronte a queste critiche, Piaget ha riformulato i suoi postulati e ha assicurato che tutti i soggetti normali arrivino a operazioni e strutture formali, tra gli 11-12 ei 14-15 anni, e in tutti i casi tra i 15-20 anni..

Bibliografia

  1. Cárdenas Páez, A. (2011). Piaget: lingua, conoscenza e istruzione. Giornale colombiano dell'educazione. N.60.
  2. Medina, A. (2000). L'eredità di Piaget. Articoli educere.
  3. Papalia, D.E. (2009). Psicologia dello sviluppo. McGraw-Hill.
  4. Vasta, R., Haith, H.H. e Miller, S. (1996). Psicologia infantile. Barcellona. Ariel.

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.