Caratteristiche dell'Arthrobacter, tassonomia, morfologia, sintomi

688
Sherman Hoover

Arthrobacter È un genere di batteri aerobici obbligati, molto comune in diversi tipi di terreno. Le specie di questo gruppo di microbi sono Gram positive, sebbene durante la crescita esponenziale siano Gram negative.

Tutte le specie del genere sono chemioorganotrofiche, cioè usano composti organici come fonte di elettroni nelle loro reazioni metaboliche. Hanno anche la particolarità di variare la loro forma durante lo sviluppo, formando bacchette o cocchi a seconda della fase di crescita in cui si trovano..

Arthrobacter sp. Tratto e modificato da www.sciencesource.com

Questi batteri possono essere molto resistenti all'essiccazione e alla mancanza di nutrienti. Alcune specie del genere Arthrobacter sono stati isolati in pazienti immunocompromessi, ma la maggior parte di essi non sono patogeni.

Indice articolo

  • 1 Caratteristiche generali
  • 2 Tassonomia
  • 3 Morfologia
  • 4 Interesse medico
  • 5 sintomi
    • 5.1 Endocardite infettiva subacuta
    • 5.2 Batteriemia
    • 5.3 Endoftalmite postoperatoria
    • 5.4 Malattia di Whipple
    • 5.5 Flebite batterica
  • 6 Trattamenti
    • 6.1 Endocardite infettiva subacuta
    • 6.2 Batteriemia
    • 6.3 Endoftalmite postoperatoria
    • 6.4 Malattia di Whipple
    • 6.5 Flebite batterica
  • 7 Riferimenti

Caratteristiche generali

Sono batteri estremamente numerosi su un'ampia varietà di substrati, in particolare i terreni. Sono aerobici, non formano spore né presentano metabolismo fermentativo.

La parete cellulare contiene L-lisina e acidi grassi cellulari di tipo ramificato. La temperatura ottimale per lo sviluppo delle specie di Arthrobacter varia da 20-30 ° C e cresce meglio in un mezzo con un pH da neutro a leggermente alcalino.

Sono a forma di bastoncello e Gram negativi durante la fase di crescita esponenziale. Durante la fase stazionaria della crescita, invece, hanno la forma di cocchi e sono Gram positivi.

Tassonomia

Il genere Arthrobacter è stato proposto da Conn & Dimmick nel 1974, con Arthrobacter globiforme come specie tipo. Successivamente, il nome di questa specie è stato modificato in Arthrobacter globiformis.

Questi microrganismi appartengono alla classe Phyllum e Actinobacteria, Actinomycetales Order, Suboroden Micrococcineae e Micrococcaceae Family. Il genere Arthrobacter ha almeno 69 specie valide per la scienza.

Recentemente, alcuni tassonomisti hanno proposto che il genere Arthrobacter contiene due "gruppi di specie", il gruppo A. globiformis / A. citreus e il gruppo A. nicotianae. Entrambi i gruppi differiscono l'uno dall'altro a causa della loro composizione lipidica, struttura del peptidoglicano e contenuto di acido teicoico..

Morfologia

Il Arthrobacter hanno una colorazione che varia dal bianco al giallo, la maggior parte delle specie forma colonie di circa 2 mm di diametro, non formano spore.

Durante la fase di crescita esponenziale hanno la forma di bastoncelli, mentre nella fase stazionaria hanno la forma di cocchi. A volte hanno la forma di grandi corpi sferici da 1 a 2 micrometri chiamati cistiti..

Il passaggio dalla bacchetta al cocco avviene grazie a un micronutriente (vitamina) chiamato Biotina. La forma di cocco è altamente resistente all'essiccazione e alla fame.

Il genere si distingue presentando una break zone o "Snapping Division". Questo consiste in un setto trasversale nello strato interno della parete cellulare. Quando i batteri aumentano di dimensioni, viene prodotta una tensione nello strato esterno che finisce per rompersi, producendo un clic.

Cristallopoiti di Arthrobacter. Tratto e modificato da http://www.wikiwand.com/en/Arthrobacter

Interesse medico

Dalla fine del secolo scorso all'inizio di questo, ceppi di Arthobacter come agenti patogeni opportunistici negli esseri umani.

Specie piace A. cumminsii, A. woluwensis, A. creatinolyticus, A. oxydans, A. luteolus Y A. albus sono stati isolati da ferite, sangue, urina, infezioni della pelle, emocolture ed endoftalmite.

Sebbene siano stati isolati da esseri umani e altri animali, batteri del genere Arthrobacter sono considerati scarsi o rari nei campioni clinici.

D'altro canto,  A. cumminsii è la specie più comunemente trovata nell'uomo. Questa specie è stata trovata in campioni di cervice, vagina, orecchio medio, liquido amniotico, osteomielite calcaneare, cellulite dei tessuti profondi, sangue e ferite..

Sintomi

Sintomi di infezione da Arthobacter dipenderanno non solo dalle specie coinvolte nell'infezione, ma anche dall'area interessata.

Endocardite infettiva subacuta

Causato dalla penetrazione batterica (in questo caso Arthrobacter woluwensis) al sistema circolatorio. I batteri raggiungono e si attaccano alle valvole cardiache (a volte ferite).

La malattia progredisce gradualmente e in modo sottile, in un periodo che può durare da poche settimane a diversi mesi. Questa malattia può essere fatale.

I sintomi di questa infezione possono essere: stanchezza, febbre da 37,2 ° C a 38,3 ° C, aritmia cardiaca, sudorazione, perdita di peso e anemia. Questi sintomi saranno latenti fino a quando l'endocardite non provoca un blocco di un'arteria o danneggia le valvole del cuore..

Altri sintomi di endocardite batterica subacuta includono: brividi, dolori articolari, pallore, noduli sottocutanei e confusione.

Batteriemia

Causato da Arthrobacter woluwensis, la batteriemia non causa sintomi chiari. In alcune situazioni può causare febbre, ma può essere complicato dalla setticemia. La setticemia è una complicanza pericolosa per la vita dell'infezione.

I suoi sintomi includono: temperatura corporea molto alta (superiore a 38,3 ° C) o bassa (inferiore a 36 ° C), più di 90 battiti cardiaci al minuto, più di 20 respiri al minuto. In caso di complicazioni possono comparire brividi, alterazioni sensoriali, ipotensione, dolori addominali, nausea, vomito e diarrea..

Endoftalmite postoperatoria

È una malattia che colpisce il bulbo oculare, nel caso postoperatorio implica che l'infezione sia avvenuta a causa di un intervento chirurgico.

I sintomi di questa infezione causati da Arthrobacter sp., sono: dolore oculare, perdita dell'acuità visiva, presenza di leucociti e fibrina nella camera anteriore dell'occhio (Hypopyon).

La malattia di Whipple

È una condizione che attacca il tratto digerente, in particolare l'intestino tenue. I sintomi di questa malattia, causati da microbi del genere Arthrobacter, Sono: febbre, poliartrite asimmetrica, ulcerazioni aftose della bocca e perdita dell'acuità visiva.

Flebite batterica

Uno degli agenti rilevati che producono questa condizione è Arthrobacter albus. La flebite batterica è molto rara. Consiste nell'infiammazione di una vena dovuta alla contaminazione del sistema circolatorio dovuta alla cattiva manipolazione o igiene dei cateteri.

I sintomi di questa malattia possono variare a seconda che si tratti di flebite superficiale o profonda.

Flebite superficiale: arrossamento della pelle, gonfiore nella zona delle vene, tenerezza, calore nella zona delle vene.

Flebite profonda: gonfiore esteso, area interessata con colore pallido o cianotico, diminuzione del polso, forte dolore, tachicardia, febbre e talvolta cancrena venosa.

Trattamenti

Endocardite infettiva subacuta

Questa infezione viene trattata con antibiotici (per circa 8 settimane) quasi sempre dal centro di assistenza ospedaliera e il trattamento può essere completato successivamente a casa..

A volte gli antibiotici non sono sufficienti e sarà necessario un intervento chirurgico per sostituire le valvole danneggiate o drenare gli ascessi..

Batteriemia

È necessario rimuovere la fonte della batteriemia come i cateteri e trattare con antibiotici.

Endoftalmite postoperatoria

Per endoftalmite causata da Arthrobacter, il trattamento secondo gli studi clinici è di quattro settimane di iniezioni intravitreali e il trattamento topico di vancomicina e gentamicina, seguito da amoxicillina orale.

La malattia di Whipple

Il trattamento per questa malattia causata specificamente da Arthrobacter, è la somministrazione orale di sulfametossazolo e trimetoprim (SMZ-TMP) insieme e rifampicina.

Flebite batterica

Il trattamento di questa malattia è adattato al tipo di malattia, cioè esiste un trattamento per la flebite superficiale e un altro per la flebite profonda..

Superficiale: pomate antinfiammatorie, antisettiche con ossido di zinco e con eparinoidi. Applicazione di impacchi freddi. Solleva l'arto colpito.

In profondità: somministrazione di farmaci antinfiammatori, antibiotici, analgesici, eparina tra gli altri secondo le indicazioni mediche. Quando il farmaco non è sufficiente, il trattamento include il posizionamento di un filtro nella vena cava o la sua rimozione chirurgica..

Riferimenti

  1. G. Holt, N.R. Krieg, P.H.A. Sneath, J.T. Stanley & S.T. Williams (1994). Manuale di Bergey di batteriologia determinante, 9a ed., Willims e Wilkins, Baltimora.
  2. Arthrobacter. Enciclopedia della vita. Recuperato da eol.org.
  3. D. Jones e R. M. Keddie (2006). Il genere Arthrobacter. In: Dworkin M., Falkow S., Rosenberg E., Schleifer KH., Stackebrandt E. (a cura di) The Prokaryotes. Springer, New York, NY.
  4. H-J Busse (2016). Revisione della tassonomia del genere Arthrobacter, emendation del genere Arthrobacter sensu lato, proposta di riclassificazione di specie selezionate del genere Arthrobacter nel romanzo genera Glutamicibacter Nov., Paeniglutamicibacter gen. Nov., Pseudoglutamicibacter gen. Nov., Paenarthrobacter gen. Nov. e Pseudarthrobacter gen. nov., e la descrizione modificata di Arthrobacter roseus. Giornale internazionale di microbiologia sistematica ed evolutiva.
  5. Sistema informativo tassonomico integrato (ITIS). Estratto da itis.gov.
  6. G. Wauters, J. Charlier, M. Janssens e M. Delmée (2000). Identificazione di Arthrobacter oxydans, Arthrobacte rluteolus sp. nov., e Arthrobacter albus sp. nov., isolato da campioni clinici umani. Giornale di microbiologia clinica.
  7. G. Funke, M. Pagano-Niederer, B. Sjödén e E. Falsen (1998). Arthrobacter cumminsii, il più frequente Arthrobacter Species in Human Clinical Specimens.Journal of Clinical Microbiology.
  8. C. Winn, S. Allen, W.M. Janda, E.W. Koneman, G.W. Procop, P.C. Schreckenberger, G.L. Woods (2008). Diagnosi microbiologica, testo e Atlante dei colori (6a ed.). Buenos Aires, Argentina, casa editrice medica panamericana. 1696 pagg.
  9. F. Huckell, endocardite. Manuale MSD. Recuperato da msdmanuals.com.
  10. E. Bernasconi, C.Valsangiacomo, R. Peduzzi, A. Carota, T. Moccetti, G. Funke (2004). Arthrobacter woluwensis Endocardite infettiva subacuta: caso clinico e revisione della letteratura. Malattie infettive cliniche.
  11. M. Maggio. Batteriemia. Manuale MSD. Recuperato da msdmanuals.com.
  12. M. Pozo Sánchez. Flebite. Che cos'è, tipi, sintomi e prevenzione. Physioonline tutto sulla fisioterapia. Recupero da fisioterapia-online.com.

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.