Stato e governo

2998
David Holt
Stato e governo

Il Condizione È quell'organizzazione politica che si compone di almeno tre elementi: una popolazione, un territorio e un governo. Allo stesso modo, lo Stato gode di autonomia interna e sovranità, essendo quest'ultimo nelle mani del suo popolo.

A livello internazionale, lo Stato riceve il riconoscimento di altri Stati, instaura rapporti con più Stati ed è oggetto principale di diritto internazionale pubblico.

Il governo è l'insieme delle persone e delle istituzioni che si occupano di amministrazione e gestione di uno Stato ed è uno dei suoi elementi costitutivi, insieme alla popolazione e al territorio. Ogni Stato deve avere un governo che lo amministri e garantisca che mantenga la sua sovranità e autonomia, oltre a rappresentarlo davanti agli altri Stati..

Condizione

governo

Definizione

È un'organizzazione politica composta almeno da una popolazione, un territorio e un governo, che gode di sovranità e autodeterminazione e mantiene rapporti con gli altri Stati..

È l'insieme degli individui e delle istituzioni responsabili dell'esercizio del potere pubblico e dell'amministrazione e rappresentanza dello Stato..

Caratteristiche

  • Sia lo Stato che i suoi elementi costitutivi sono senza tempo.
  • I suoi elementi di base sono: governo, territorio e popolazione.
  • Gode ​​del riconoscimento di altri Stati.
  • Mantiene rapporti con altri Stati.
  • Ha sovranità interna e autodeterminazione.
  • È soggetto al diritto internazionale pubblico.
  • È un elemento costitutivo dello Stato.
  • Gestisce e lo Stato.
  • È composto da individui e istituzioni.
  • Ogni governo in particolare è temporaneo..
  • Può o non può essere riconosciuto da altri Stati.
  • Può assumere diverse forme (democrazia, monarchia, dittatura, ecc.).
Principali modi in cui viene presentato
  • Unitario,
  • Federato o federale.
  • Democrazia.
  • Dittatura.
  • Monarchia.

Cos'è uno stato?

UN Condizione è un'entità politicamente organizzato che si compone di un file popolazione stabilito in a territorio determinato e ha un governo, sotto forma di istituzioni e persone che amministrano e organizzano lo Stato per il bene comune della sua popolazione.

Lo Stato ne è dotato sovranità e autodeterminazione, ha il riconoscimento di altri Stati e stabilisce relazioni di diversa natura con questi.

La parola Stato deriva dal latino stato che ha diversi significati, tra cui "posizione", "modo di essere / stare", "postura", "ordine" ecc. Cioè, si riferisce a qualcosa che rimane in un certo modo.

Uno Stato può essere formato a seguito della separazione di uno Stato due o più Stati o, al contrario, da una fusione tra più Stati.

Allo stesso modo, uno Stato può anche avere origine nel territorio di un altro Stato (anche se ciò porta in linea di principio a conflitti interni).

Secondo la Convenzione sui diritti e i doveri degli Stati (Convenzione di Montevideo, Uruguay, 26 dicembre 1933), realizzata dall'Organizzazione degli Stati americani, uno Stato è un attore internazionale che ha una popolazione permanente, un territorio specifico, un governo e la capacità di intrattenere rapporti con altri Stati (art. 1 Convenzione di Montevideo).

In generale, si ritiene che lo Stato non abbia bisogno del riconoscimento di altri Stati per definirsi come tale. Tuttavia, è stato dibattuto se in pratica lo Stato sia tale solo nel momento in cui riceve il riconoscimento da altri Stati..

Caratteristiche di uno Stato

  • Sia lo Stato che i suoi elementi costitutivi sono senza tempo..
  • Ha un territorio e una popolazione che vive in questo.
  • Goditi la sovranità e l'autodeterminazione.
  • È organizzato internamente attraverso varie istituzioni.
  • Possiede un governo.
  • Generalmente è riconosciuto come tale da altri Stati.
  • Mantiene rapporti di diversa natura con gli altri Stati.
  • Hai diritti e doveri a livello internazionale.
  • È oggetto di diritto internazionale pubblico.

Formazione di uno Stato

Per la formazione di uno Stato, vengono generalmente considerati alcuni principi di diritto internazionale pubblico, che è responsabile dello studio e della regolamentazione dei rapporti tra gli Stati..

Diversi strumenti, come la Convenzione di Montevideo del 1933, indicano le condizioni ei principi necessari, sui quali si determina la nascita di uno Stato..

Gli elementi costitutivi di base possiedono un territorio, un governo e una popolazione. Inoltre, a questi si aggiungono che lo Stato è sovrano e che intrattengono rapporti con altri Stati.

Successivamente, come atto dichiarativo, uno Stato viene riconosciuto come tale da altri Stati. In ogni caso, anche se uno Stato non ottiene il riconoscimento da altri Stati, deve rispondere al diritto internazionale, poiché ogni Stato lo è soggetto di diritto internazionale.

Nascita di uno stato

  • La nascita di uno Stato può essere il risultato di un processo di colonizzazione di un territorio disabitato.
  • Dovuto a separazione o secessione, che è una rottura o indipendenza di uno Stato, da parte di un gruppo di persone, con l'intenzione di fondare un nuovo Stato.
  • Da a unificazione di diversi Stati già esistenti, formando uno Stato più grande.
  • Dandoti un scioglimento di uno Stato, scompare e diventa due o più Stati. Quando lo Stato originario scompare, i nuovi Stati si conformano come nuovi soggetti di diritto internazionale.
  • Inoltre, attraverso intervento di altri Stati per decretare la creazione di un nuovo Stato.

Estinzione di uno Stato

  • quando non si può incontrare più con alcune delle condizioni fondamentali per essere uno Stato: territorio, governo e popolazione.
  • Dandoti un secessione, dissoluzione o smembramento, dare vita a uno o più nuovi stati o annessione ad altri stati.
  • Allo stesso modo, quando a fusione, diversi stati costituiscono uno stato federale, che è il principale soggetto sovrano.
  • Un'altra forma di estinzione è incorporazione, che si verifica quando uno Stato è annesso a un altro Stato.

Stato e sovranità

In termini generali, il principio di sovranità di uno Stato si riferisce al potere autonomo di legiferare e organizzare, Eppure il uguaglianza giuridica che ha rispetto ad altri Stati.

Ciò significa che, a livello giuridico, lo Stato è l'unico attore in grado di esercitare un potere legittimo entro i propri limiti e che gode dell'esclusività di rappresentarsi davanti agli altri Stati..

Resta inteso che la sovranità risiede nel popolazione (o la sua nazione) ed è esercitato attraverso il governo come un diritto inalienabile di organizzare e legiferare lo Stato. È comune trovare articoli nella costituzione politica di ogni Stato che affermano che la sovranità "emana", "risiede" o "risiede" nel popolo o nella nazione.

La Carta delle Nazioni Unite stabilisce nei suoi primi due articoli il principio della parità di diritti e dell'autodeterminazione dei popoli, oltre al rifiuto dell'uso delle minacce o della forza da parte di uno Stato per interferire negli affari interni di un altro Stato..

La sovranità di uno Stato include, tra gli altri aspetti, quanto segue:

  • Competenza esclusiva di uno Stato per occuparsi dei suoi affari interni.
  • Uguaglianza giuridica a livello internazionale rispetto agli altri Stati.
  • Lo Stato non può essere costretto a intervenire se non è sua volontà.
  • Diritto di partecipare a tribunali internazionali in caso di controversia con un altro Stato.
  • Diritto all'autodifesa della propria integrità politica e territoriale.
  • Diritto di stabilire rapporti con altri Stati.
  • Diritto all'autodeterminazione.

Ulteriori informazioni sulla differenza tra stato e nazione.

Moduli di stato

Una delle forme più comuni che uno Stato può assumere è quella dello Stato unitario. Questo è uno stato in cui esiste un solo potere politico che abbraccia l'intero spettro e che generalmente si trova centralizzato.

La popolazione è soggetta, volontariamente, ad un'unica legislazione che si applica all'intero Stato. Inoltre, le istituzioni che lo compongono sono generalmente situate in un centro, anche se possono esserci autorità regionali, ma con poca autonomia..

Dall'altra c'è lo Stato federato o federale, che è quella in cui il potere è diviso lungo la stessa, dove più regioni godono di autonomia, ciascuna con un certo livello di rappresentanza nel governo nazionale. Si caratterizza per essere decentralizzato, con un'organizzazione politica regionale, oltre a una costituzione federale.

Nei Länder, è comune che ogni regione abbia uguale accesso al proprio potere globale, senza che altre abbiano un peso maggiore. D'altra parte, può anche essere che ci siano differenze tra le regioni, ma è meno usuale.

Scopri di più sulla differenza tra federalismo e centralismo.

Qual è il governo?

UN governo si riferisce a persone e istituzioni che amministrano e dirigono uno Stato. Tramite il governo il sovranità della stessa ed è uno degli elementi fondamentali per la sua costituzione, insieme alla popolazione e al territorio.

La parola governo deriva dal latino governare che significa "mantieni il controllo di", "comando" o "diretto". Originariamente utilizzato come "atto di governo".

Il governo come condizione o elemento fondamentale di uno Stato deve essere sempre presente. Tuttavia, ogni governo in particolare ha un tempo limitato, che è variabile. La sua temporalità può essere vista nel fatto che la maggior parte degli Stati organizza di volta in volta elezioni nazionali e regionali..

Caratteristiche del governo

  • È parte costitutiva dello Stato, insieme alla popolazione e al territorio.
  • Ogni governo è temporaneo (anche se la durata del governo è a tempo indeterminato).
  • È composto da persone e istituzioni che manifestano la sovranità, che amministrano e che rappresentano lo Stato.
  • Può o non può essere riconosciuto da altri Stati.
  • Può essere democratico, una dittatura, una monarchia costituzionale o assumere un'altra forma.

Riconoscimento di un governo a livello internazionale

Proprio come lo stato, il governo di uno stato tende ad essere riconosciuto da altri stati. Questo perché il governo è il rappresentante dello Stato e responsabile della sua amministrazione..

Ciò significa che il riconoscimento di uno stato implica il riconoscimento del suo governo. Tuttavia, lo stesso non accade, anzi, riconoscere un governo non implica che uno Stato sia riconosciuto.

Forme di governo

I governi possono assumere forme diverse per gestire uno stato. La monarchia, la democrazia e la dittatura sono le forme più conosciute in cui si manifesta il governo di uno Stato.

Monarchia

La monarchia è stata una delle forme di governo più comuni in passato. Una monarchia si verifica quando l'amministrazione dello Stato è nelle mani di uno o di un monarca in un certo senso tutta la vita e il cui potere è ereditario.

In origine lo erano le monarchie regimi assoluti, dove un membro degli spettacoli, re o regina, aveva il potere totale su un regno (quindi, la sua popolazione). Questa era una forma di governo molto diffusa in Europa durante il Medioevo e iniziò a perdere potere dopo la Rivoluzione francese..

Successivamente appare il file monarchia costituzionale, che si caratterizza per il fatto che i suoi membri hanno a valore simbolico e senza alcun potere reale sull'amministrazione dello Stato. Cioè, i monarchi del potere di governare, poiché la sovranità è nelle mani del popolo.

Democrazia

La democrazia è fondamentalmente la forma di governo in cui il cittadina è il titolare del sovranità stato, esercitare il potere e può eleggere rappresentanti per amministrare lo Stato.

In questo caso, le persone, oi cittadini, hanno la libertà di organizzarsi per decidere come saranno governati, generalmente attraverso i partiti politici..

L'idea che il potere risieda nelle persone è importante nelle democrazie, poiché le persone non solo partecipano all'amministrazione del paese, ma sono anche considerate pari Davanti alla legge.

A loro volta, le democrazie possono essere divise in base al modo in cui il popolo esercita il potere. Da un lato ci sono le democrazie diretto, in cui le persone prendono decisioni e partecipano attivamente al governo dello Stato. Questo tipo di democrazia era più comune in passato e nelle regioni con poche popolazioni.

D'altra parte, ci sono democrazie rappresentante, in cui il governo è nelle mani di rappresentanti eletti dal popolo. Le persone elette entrano in carica, di solito per un determinato periodo di anni. L'elezione avviene con diversi metodi, il più comune è l'elezione popolare attraverso il voto dei cittadini..

Le democrazie moderne sono caratterizzate dall'essere repubblicano. Una repubblica si riferisce al fatto che il potere spetta al popolo, attraverso i suoi rappresentanti, essendo contrario alla monarchia e, in sostanza, alla dittatura..

UN repubblica assicura che ci sia un file divisione dei poteri all'interno dello Stato, come esecutivo, legislativo e giudiziario. Inoltre, implica la temporalità del mandato dei governanti e il rispetto del diritto nazionale..

Dittatura

La dittatura è un governo in cui il il potere spetta a una persona o un gruppo di persone specifico, motivo per cui la città non possiede alcuna capacità di governo. In genere, coloro che esercitano il potere in una dittatura lo fanno con l'aiuto dell'apparato militare dello Stato. In questo modo, le libertà civili vengono soppresse..

In molti casi, quando c'è una dittatura, meccanismi di controllo in modo che chiunque sia al potere può esercitarlo efficacemente. Ciò avviene attraverso la creazione di materiale educativo, il dominio dei media e la censura di posizioni contrarie a colui che governa, tra gli altri meccanismi..


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.