Biografia, contributi e scoperte di Carl Wilhelm Scheele

3347
Abraham McLaughlin

Carl Wilhelm Scheele (1742-1786) era un chimico e farmacista che si distinse per aver scoperto un gran numero di sostanze chimiche, sebbene fosse l'ossigeno, che chiamò aria di fuoco, l'elemento più importante a lui attribuito. Ha anche aiutato a scoprire, isolare e identificare le proprietà di un lungo elenco di elementi chimici, tra cui il cloro o l'acido arsenico..

I suoi studi hanno abbracciato aree come la chimica organica dove ha utilizzato diversi tipi di frutta per studiare i loro acidi. Da questi esperimenti è riuscito a isolare l'acido citrico dai limoni o l'acido lattico dal latte..

Una delle immagini che cercano di illustrare Scheele. Fonte: Okänd - 1700-tal [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons.

Indice articolo

  • 1 Biografia
    • 1.1 I primi anni
    • 1.2 Studi di farmacia
    • 1.3 Ultimi giorni
  • 2 Contributi e scoperte
    • 2.1 Pirolusite
    • 2.2 Descrizione del cloro
    • 2.3 Preparazione di sostanze organiche
    • 2.4 Scoperta dell'ossigeno
  • 3 Pubblicazioni
  • 4 Curiosità
  • 5 Riferimenti

Biografia

Nei primi anni

Carl Wilhelm Scheele è nato il 9 dicembre 1742 a Stralsund. La città era la capitale dell'ex Pomerania svedese, anche se oggi fa parte della Germania.

Carl era uno degli undici figli di Joachim Christian Scheele, un birraio e commerciante, insieme a sua moglie Margaretha Eleonora.

Studi di farmacia

Durante la guerra della Pomerania, Carlo fu mandato a Göteborg per prendere il posto di uno dei suoi fratelli come apprendista di farmacia. Lì trascorreva lunghe notti leggendo libri di farmacia e copiando esperimenti per esercitarsi. Non gli ci volle molto per acquisire una grande conoscenza della chimica.

Nel 1765 si trasferì a Malmo, dove ebbe una grande amicizia con Anders Jahan Retzius, professore all'Università di Lund. Qui Scheele iniziò i suoi studi sulla combustione e sul pigmento blu di Prussia..

Gli ultimi giorni

Nonostante abbia trascorso molto tempo esposto a sostanze chimiche tossiche per condurre i suoi esperimenti, la salute di Scheele era caratterizzata da buone. Tutto cambiò improvvisamente durante il periodo autunnale dell'anno 1785. Durante questa fase lo scienziato si ammalò improvvisamente e la sua salute si deteriorò molto rapidamente..

Poco prima della sua morte aveva sposato Sara Margaretha Pohl. Era stata la governante responsabile della casa di Scheele a Koping, in Svezia.

Contributi e scoperte

La prima volta che il nome di Scheele è apparso in stampa è stato in un articolo di Retzius. L'articolo trattava dell'isolamento dell'acido tartarico, che si basava su esperimenti condotti da Scheele.

Le prime scoperte che è riuscito a documentare sono avvenute durante il suo soggiorno a Malmo. Lì ha parlato per la prima volta dell'acido nitroso.

Ha trascorso solo due anni a Malmo prima di andare a Stoccolma, da dove ha cercato di pubblicare molti dei suoi studi. Due o tre documenti con le sue idee furono respinti dalla Royal Academy of Sciences.

A pochi chimici è stato attribuito il merito di aver scoperto tante sostanze chimiche come Scheele..

Pirolusite

Una delle sue opere più rilevanti fu la pubblicazione che fece nel 1774, dove parlò del minerale pirolusite. È stato un ritrovamento molto importante perché ha introdotto tre elementi che erano nuovi e sono attualmente noti come manganese, bario e cloro.

Descrizione del cloro

Inoltre, è stato il primo a descrivere il cloro e il primo a differenziare i composti di bario e calcio. Il cloro, ad esempio, è stato ottenuto grazie all'ossidazione del magnesio con acido cloridrico. Da parte sua, il bario era un'impurità presente nel minerale pirolusite.

Preparazione di sostanze organiche

Grazie anche alle sue conoscenze farmaceutiche, Scheele è stato in grado di preparare un gran numero di sostanze organiche. Come metodi che hanno migliorato il modo di preparare alcune sostanze mediche.

Come conseguenza del suo studio chimico su alcuni animali, riuscì a estrarre il fosforo dalle ossa, un progresso, poiché la pratica abituale era quella di ottenere l'urina. Ha anche separato quello che ora è noto come acido urico dai reni e dall'urina..

Scoperta dell'ossigeno

In Svezia Scheele fece la sua scoperta più importante quando scoprì l'ossigeno, o come lo chiamava: l'aria del fuoco. La sua passione per il fuoco e la combustione lo ha portato a studiare l'aria.

Questa scoperta è stata coinvolta in una grande controversia. La scoperta è attribuita anche al britannico Joseph Priestley, che pubblicò per la prima volta i suoi studi.

Scheele non ha mai datato gli appunti che ha preso in laboratorio durante i suoi esperimenti o studi. Alcuni scienziati hanno affermato che riuscì a completare i suoi studi sull'ossigeno prima di terminare la sua pubblicazione sul manganese nel 1773. Molto probabilmente, la scoperta dell'ossigeno avvenne tra il 1771 e il 1772.

Sono accaduti diversi fattori che hanno indotto Scheele a impiegare molto tempo per pubblicare le sue conclusioni sull'ossigeno. È stato ritardato per la prima volta perché stava lavorando al palo di manganese. Poi ha scritto dell'acido arsenico appena scoperto e l'argomento dell'ossigeno è stato rimandato. Nemmeno il suo trasferimento a Koping è stato di grande aiuto.

Fu finalmente nell'anno 1775 che Scheele iniziò a scrivere il manoscritto sull'ossigeno. Una volta completato, fu inviato per la pubblicazione all'inizio del 1776. Purtroppo ci volle un altro anno perché le sue idee venissero alla luce, poiché i responsabili erano molto lenti..

Pertanto, il primo riferimento all'ossigeno fu fatto da Priestley nel 1775. Sebbene Scheele fu anche il primo a concludere che l'atmosfera era una miscela di ossigeno, azoto, anidride carbonica e vapore acqueo. Scheele considerava questi tre elementi come: aria di fuoco, aria sporca e aria acida.

Pubblicazioni

Le sue pubblicazioni originali includevano un gran numero di articoli completi, alcuni estratti di lettere scritte da Scheele, diversi editoriali di riviste e un libro.

Curiosità

Non esiste un ritratto di Carl Wilhelm Scheele. Nel 1789, la Royal Academy of Sciences in Svezia ha rilasciato una moneta in onore dello scienziato. Sulla moneta c'è il ritratto di una persona, ma non si riferisce esattamente a Scheele. La rappresentazione si è basata sulla testimonianza di diverse persone che hanno descritto il chimico.

Inoltre, c'è una statua di Scheele a Stoccolma che è stata realizzata nel 1892. L'immagine della statua è nata dall'immaginazione dell'artista che era responsabile del lavoro..

Infine, nel 1931 è stato trovato un ritratto che è stato utilizzato per disegnare due francobolli in Svezia. Qualche tempo dopo è stato dimostrato che anche questa immagine non aveva alcuna relazione con Scheele.

Riferimenti

  1. Leicester, H. e Klickstein, H. (1963). Un libro di origine in chimica 1400-1900. Cambridge (Mass.): Harvard University Press.
  2. Lennartson, A. (2017). Le opere chimiche di Carl Wilhelm Scheele.. Svizzera: Springer Nature.
  3. Scheele, C. (2009). Trattato chimico sull'aria e sul fuoco. [Inghilterra]: Dodo Press.
  4. Scheele, C., & Beddoes, T. (1966). I saggi chimici di Charles-William Scheele, 1786. Londra: Dawsons.
  5. Scheele, C. e Boklund, U. (1968). Carl Wilhelm Scheele. Stoccolma: [U. Boklund]. Roos boktr. (distr.).

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.